Clicky

Seppala Siberian Sleddog: Prezzo, Carattere, Caratteristiche, Allevamenti

By Simona Nicoletti

Quella del Seppala Siberian Sleddog è una razza canina  nata come cane da slitta e da lavoro alla fine degli anni Ottanta grazie al veterinario canadese J.J.Brag, che voleva ottenere un cane più resistente del Siberian Husky e che potesse sostenere ancora meglio il lavoro, in quel caso il traino delle slitte.

I “genitori” di questa razza erano alcuni esemplari della sottospecie “Seppala” dei Siberian Husky (un cane “famoso” appartenente a questa sottospecie è stato Togo, impiegato nella cosiddetta “Corsa del Siero” del 1925, storia che ha poi ispirato la storia del film “Balto”).

J.J.Brag fece incrociare i pochi Seppala del tempo con il cane Shakal Iz Soloviev, proveniente dalla regione siberiana della Chukotka, e questo portò poi alla nascita di di una nuova specie, che però non venne riconosciuta dalle federazioni cinofile ma solo dal Ministero dell’Agricoltura Canadese.

Ancora oggi, questi esemplari non vengono riconosciuti ufficialmente nè dall’FCI (Federazione Cinofila Internazionale) nè dall’ENCI (Ente Nazionale Cinofilia Italiana), anche perchè la loro comparsa tra le razze canine è molto recente e non ha permesso la definizione di standard precisi e di categorizzazioni.

L’ ASPETTO DEL CANE

Questi maestosi cani hanno una taglia medio-grande, con spalle e muscolatura molto sviluppate, che si sono adattate nel corso del tempo al traino delle slitte, e zampe resistenti e muscolose molto adatte al lavoro prolungato.

Il pelo è molto fitto e denso, con un sottopelo incredibilmente lungo che può arrivare quasi alla lunghezza del pelo vero e proprio (caratteristica nata per sopportare le temperature incredibilmente rigide della sua zona d’origine, ovvero Canada Settentrionale e Alaska); il colore varia molto andando dal bianco a sfumature di grigio, marroncino e grigio-blu.

La loro testa è abbastanza allungata, con occhi a mandorla che possono essere marrone scuro o tendenti all’azzurro/blu e orecchie a punta e dritte.

L’altezza al garrese di questa razza canina sta solitamente tra i 56 e i 58 cm, mentre il loro peso può oscillare tra i 18 e i 23 kg.

IL CARATTERE DEL SEPPALA SIBERIAN HUSKY

Essendo nato come cane da lavoro, questo cane è intelligente, molto ubbidiente verso il suo padrone e con una grande dedizione al lavoro, che lo porta ad essere anche molto attivo e attento.

Visto che lavorava (e lavora) nel traino delle slitte, si dimostra molto socievole e amichevole con gli altri cani, sia con i “colleghi di lavoro” che con tutti gli altri, ma può dimostrarsi diffidente con estranei e con altri animali domestici, a causa dei suoi istinti di caccia.

Una cosa importante da far notare è che questo cane richiede molta attività fisica: non è sicuramente adatto alla vita in appartamento, sia per il suo bisogno di spazio che per la sua taglia, e richiede frequente attività fisica e spazi in cui muoversi e sfogarsi per evitare la noia, che potrebbe portarlo ad essere iperattivo.

Altri aspetti da considerare sono la tendenza ad abbaiare ed a ululare, soprattutto all’esterno e quando fa attività fisica, e la sua poca sopportazione delle alte temperature, a causa delle sue origini e del pelo molto fitto e denso.

Questa razza è relativamente facile da addestrare, soprattutto se il padrone si dimostra fermo e deciso.

PREZZO

Questo cane è presente ed allevato prevalentemente in America del Nord e Canada, mentre in Italia è quasi sconosciuto: per questo è molto difficile definire dei prezzi generali, soprattutto perchè la diffusione è bassissima al di fuori delle sue zone di origine.

ALLEVAMENTI

Il Seppala Siberian Sleddog non ha allevamenti certificati ENCI in Italia, e molto spesso bisogna rivolgersi ad allevamenti delle sue zone di origine, data la scarsa diffusione degli allevamenti (tuttavia è comunque possibile chiedere maggiori informazioni all’ENCI, che ha comunque delle liste di allevatori esteri con cui può dialogare, e quindi potrebbe chiarire eventuali dubbi in alcuni casi e se ci sono allevatori disponibili al momento).

Simona Nicoletti

Lascia un commento