Una Guida Pratica per Socializzare Un Cane – Il Modo Corretto

By Simona Nicoletti

L’idea della socializzazione del cane è quella di introdurre il cucciolo a ciò che il mondo in continua evoluzione ha da offrire, in modo che possa sopravvivere, prosperare e adattarsi a nuovi ambienti e circostanze.

Proprio come gli esseri umani, quando il cane sperimenta qualcosa di nuovo, il suo cervello viene stimolato e si crea un legame.

Più la stessa esperienza viene ripetuta, più forte diventa il legame. Allo stesso modo, se l’esperienza non viene rivisitata, il legame si indebolisce e alla fine muore.

Gli studi hanno dimostrato che quando un’esperienza è carica di emozioni, la sensibilità del cervello aumenta, rendendo l’esperienza memorabile. Questo è ottimo se lo applichiamo al modo in cui i cani apprendono (cioè al condizionamento operante), ma non lo è se il nostro cane è spaventato o stressato durante queste esperienze.

È ormai assodato che i cuccioli poco socializzati hanno maggiori probabilità di sviluppare comportamenti problematici nel corso della vita.

Se consideriamo tutto questo, possiamo capire quanto sia importante la socializzazione e la necessità di farla nel modo giusto. Ma cosa si intende per “giusto”? E cosa si dovrebbe fare in quanto proprietari di cani responsabili?

Abbiamo raccolto questa guida pratica per aiutarvi a crescere un cane stabile e ben socializzato.

Fasi di sviluppo di un cane

Potremmo decidere di puntare tutto sulla socializzazione nel tentativo di evitare futuri comportamenti problematici. Tuttavia, la realtà è che, proprio come gli esseri umani, i cani hanno delle fasi di sviluppo e ci sono momenti della loro vita in cui certe esperienze sono più utili di altre (proprio come non insegnereste a un bambino di cinque anni a guidare un’auto!).

Periodo primario – Prime tre settimane

Il periodo primario è definito come le prime tre settimane di vita, che comprendono il periodo neonatale e quello di transizione. Durante questo periodo, i cuccioli sono molto tattili. Le prime due settimane iniziano con il periodo neonatale, durante il quale il cucciolo possiede solo i riflessi di base e risponde al calore, al tatto e all’olfatto.

Dopo il periodo neonatale, inizia il periodo di transizione. In questo periodo si aprono gli occhi e le orecchie del cucciolo e si sviluppa un certo controllo sulle funzioni corporee.

Le loro capacità sensoriali non sono ancora completamente funzionanti, quindi si affidano molto alla madre. Gli studi hanno dimostrato che la gestione precoce di questa fase porta a cuccioli molto più tranquilli in seguito e più resistenti alle situazioni di stress. Un altro motivo per cui è importante trovare un allevatore affidabile.

Periodo di socializzazione – Da 3 a 12 settimane

Verso la fine del periodo primario, la madre inizia a non occuparsi più dei suoi cuccioli, incoraggiandoli a concentrarsi maggiormente sulle interazioni con i compagni di cucciolata. Questo periodo è noto come periodo di socializzazione e dura dalle 3 alle 12 settimane.

La prima settimana del periodo di socializzazione è nota come periodo di consapevolezza; la vista e l’udito sono ormai sviluppati e ciò incoraggia molte nuove esperienze sensoriali.

In questo periodo i cuccioli sono generalmente diffidenti nei confronti dell’interazione con l’uomo, ma ciò diminuisce con l’aumentare delle interazioni positive.

Il periodo di socializzazione si divide in due parti:

  • La prima metà, dalla terza alla sesta settimana, è nota come socializzazione canina, in cui il cucciolo impara a interagire con gli altri cani.
  • La seconda metà, dalla settima alla dodicesima settimana, è nota come socializzazione umana, in cui il cucciolo impara per associazione e inizia il legame tra uomo e cane.
LEGGI ANCHE  Maltipoo: Origini, Prezzo, Caratteristiche E Allevamenti

A circa cinque settimane di vita, i cuccioli tendono a sviluppare la loro risposta alla paura. Mostrano una notevole angoscia in presenza di rumori forti e in ambienti non familiari. Ben presto capiscono quali stimoli sono pericolosi e quali innocui.

È interessante notare che alcuni studi hanno dimostrato che alcune razze sviluppano questa risposta alla paura molto prima; è noto che i beagle e alcuni terrier mostrano questa risposta a circa 3 settimane di età.

Una volta sviluppata la risposta alla paura, i cani intraprendono un ultimo periodo di socializzazione noto come impatto della paura (dalle 8 alle 10 settimane). Durante questo periodo è necessario evitare esperienze stressanti, poiché il trauma può essere permanente.

Fase di arricchimento dal terzo al sesto mese

A questo punto si passa alla fase di arricchimento o fase giovanile. Si sa che questa fase dura almeno fino alla maturità sessuale, che ovviamente dipende dalla razza del cane, ma in genere si pensa che sia intorno ai 6 mesi di età.

Si ritiene che le esperienze vissute in questa fase abbiano un impatto cruciale sul comportamento successivo, tanto da poter prevedere il temperamento a 12 mesi di età. In questo periodo c’è davvero una sensibilità agli effetti traumatici, come lo spavento di una persona o la minaccia o l’attacco di un altro cane.

Ci si può chiedere se nessuna esperienza sia meglio di un’esperienza negativa. Ma gli studi hanno dimostrato che la mancanza di desensibilizzazione (esperienze di socializzazione) porta a cani meno resistenti anche in età avanzata.

Una socializzazione adeguata consiste nell’esporre il cucciolo a una varietà di persone, animali, luoghi e situazioni nuove, senza fargli provare paura o stress durante queste esperienze. L’obiettivo è fargli sperimentare tutte le situazioni del mondo reale che il cucciolo incontrerà da adulto.

La chiave è trovare l’equilibrio in queste varie fasi e controllare la situazione. Come fare, dunque?

Come socializzare un cucciolo

La socializzazione consiste nell’introdurre il cucciolo a ciò che il mondo ha da offrire, in modo sicuro e controllato. Gli si permette di fare esperienza e di imparare mentre deve capire cosa è sicuro e cosa rappresenta una minaccia. È in questi periodi critici che il cucciolo imparerà la maggior parte delle cose.

Come abbiamo detto, quando un cucciolo incontra qualcosa o qualcuno, il suo cervello viene stimolato e crea un collegamento.

Se si tratta di un’esperienza positiva, è più memorabile. Allo stesso modo, se è traumatica, è più memorabile. Il vantaggio è che queste connessioni possono essere rafforzate o indebolite.

Esempi

  1. Il cucciolo impara che la vicina di casa gli dà sempre un premio quando passa. Questo legame si rafforza ogni volta che lei gli dà un bocconcino e lui la adora per questo!
  2. Allo stesso modo, alcuni studi hanno dimostrato che i cani che hanno sperimentato i tuoni o i temporali all’età di 4 mesi hanno maggiori probabilità di avere paura dei tuoni da adulti.
  3. Allo stesso modo, i cani che non avevano sperimentato il gioco umano prima dell’età di 1 anno, non erano in grado di giocare da adulti.

Non a caso, è stato riscontrato che i cani cresciuti in stalle o capannoni nei primi 6 mesi di vita hanno maggiori probabilità di diventare timorosi e aggressivi da adulti, a causa della mancanza di interazione umana.

Con tutto ciò che accade nel cervello del cucciolo, è fondamentale non stimolarlo eccessivamente. Anche se non esiste una regola generale sul numero di nuove esperienze da introdurre in una sola volta, la socializzazione deve avvenire gradualmente e per un periodo di tempo prolungato.

Osservate il suo linguaggio corporeo per capire come sta affrontando la situazione. Se ci sono segni di stress, è necessario allontanarlo dalla situazione. È ormai assodato che i cani sottoposti a stress cronico non sono in grado di apprendere a un livello superiore, quindi non otterrete nulla tenendolo lì.

Piano pratico di socializzazione del cane passo dopo passo

Un allevatore affidabile tiene un cucciolo con la madre fino all’età di almeno 8 settimane. Questo significa che vi perderete alcuni dei suoi periodi di socializzazione, come il periodo primario. Si perde anche il momento in cui il cucciolo sviluppa la sua risposta alla paura.

LEGGI ANCHE  Alaskan Klee Kai: Prezzo, Carattere, Caratteristiche, Allevamenti

Parlate con l’allevatore del cucciolo per vedere in cosa consiste il loro piano di socializzazione prima della partenza. Questo vi darà un buon punto di partenza.

In genere, il cucciolo arriverà verso la fine del periodo di socializzazione chiave, quello che va dalle 3 alle 12 settimane. A causa dei programmi di vaccinazione, è possibile che la socializzazione con il cucciolo sia limitata quando lo si porta a casa. Ma questo non significa che non possiate fargli conoscere le cose in casa o portarlo in posti nuovi.

Durante le settimane 8-12 il cane dovrebbe aver fatto esperienza di

  • Biciclette
  • Skateboard
  • Campanelli delle porte
  • Bussare alle porte
  • Aspirapolvere
  • Allarmi
  • Ombrelli
  • Toccare superfici diverse come cemento, erba, sabbia, moquette, legno e asfalto
  • Toccargli le zampe, il muso, le orecchie (questo sarà fondamentale per la regolare toelettatura)
  • Controllare il collare, attaccare il guinzaglio, controllare i cuscinetti e iniziare a spazzolare i denti
  • Incontrare persone con barba, cappelli, occhiali da sole e grandi cappotti
  • Incontrare bambini di tutte le età. Solo perché accetta un adolescente, non date per scontato che accetti anche un bambino.
  • Lasciategli sperimentare gli esseri umani che ridono ad alta voce o che gridano tra le stanze

Dalla 12a settimana in poi (quando le vaccinazioni lo permetteranno) il vostro cane dovrebbe aver fatto esperienza di

  • Incontrare persone per strada – uomini, donne, bambini e anziani. Incoraggiatelo a ignorare e a continuare a camminare. Non tutti vogliono un cucciolo che salta sulle loro ginocchia
  • Se possibile, presentarlo a persone che usano stampelle o sedie a rotelle (motorizzate e manuali)
  • Se possibile, presentatelo agli animali: cuccioli, cani maschi, cani femmine, gatti, gattini, cavalli, mucche, pecore, galline e anatre
  • Clacson delle auto
  • Traffico
  • Centri commerciali
  • Folla di persone
  • Aerei
  • Skateboard/biciclette per strada
  • Auto rumorose
  • Motociclette
  • Parcheggi
  • Camion
  • Treni

L’obiettivo non è quello di sperimentare tutte queste cose in una volta sola: sarebbe il peggior incubo della maggior parte degli esseri umani, per non parlare di un nuovo cucciolo che sta imparando. Potreste sperimentare una cosa nuova a ogni passeggiata, o una cosa nuova a settimana quando il cucciolo diventa più grande.

Quando lo portate a esplorare, è importante che restiate calmi. I cani percepiscono le nostre emozioni. Che siano positive o negative. Se il vostro cucciolo percepisce che una moto rumorosa non è nulla da temere, non lo farà.

Tenetelo al guinzaglio durante la socializzazione, nel caso in cui si metta a inseguire o decida di scappare.

In modo rilassato, avvicinatevi all’elemento scatenante o all’esperienza. Permettetegli di annusare ed esplorare prima di richiamarlo con calma. L’obiettivo è che il cane rimanga interessato ma indifferente.

Suggerimento

Se mostra segni di stress o preoccupazione, allontanatelo dalla situazione e riprovate un altro giorno (la prossima volta portate dei bocconcini per contrastare la reazione).

Se è molto eccitato o super eccitato, allontanatelo di nuovo dalla situazione. La prossima volta distraetelo con dei bocconcini intorno all’evento scatenante o all’esperienza, in modo che il cane impari a mostrare meno interesse. L’obiettivo di ogni esperienza è una risposta calma e rilassata.

Tenete presente che è ancora un cucciolo e che vi dirà quando ha esagerato. I cani stressati possono diventare molto eccitati; sembra che non si spengano mai. In questo caso, fate dei percorsi regolari, che non siano particolarmente attenti, fino a quando non si sarà calmato.

Il consolidamento della memoria avviene durante il sonno, quindi se avete avuto una passeggiata o una giornata particolarmente intensa, aspettatevi che dorma un po’ di più.

Anche se abbiamo parlato della socializzazione durante la vita del cucciolo, la realtà è che non si ferma mai. Sappiamo che ci sono periodi cruciali in cui le esperienze sono più vantaggiose, ma nessun proprietario di cane dovrebbe arrivare a 6 mesi e interrompere l’addestramento.

LEGGI ANCHE  Perché Il Mio Cane Segue Me E Non Mio Marito? 13 Motivi

Come socializzare un cane

Se il cucciolo vive un’esperienza negativa, anche se il danno è stato fatto, possiamo sperare di indebolire il legame attraverso la desensibilizzazione e il controcondizionamento.

I cani completamente maturi continueranno ad avere nuove esperienze, è la natura del mondo in continua evoluzione in cui viviamo. I proprietari dovrebbero trattare queste esperienze più o meno come farebbero quando il cane è un cucciolo. In modo sicuro e controllato, osservando il linguaggio del corpo per individuare eventuali segnali di stress.

La differenza è che se prendiamo in carico un cane anziano e non siamo sicuri della sua storia (ad esempio un cane da ricovero), è probabile che il cane abbia creato molte connessioni nel suo cervello. Alcune buone, altre cattive. Potrebbe aver sviluppato paure o fobie a causa di esperienze negative o semplicemente per la mancanza di socializzazione in periodi critici.

In questo caso, la chiave è la desensibilizzazione e poi il contro-condizionamento.

Proprio come gli esseri umani, anche i cani hanno la tipica risposta di lotta, fuga o blocco. In una situazione di stress, i cani mostrano segni di aggressività, fuggono, oppure si accucciano, si rannicchiano e si fanno piccoli.

Qualunque sia la causa scatenante, è possibile desensibilizzare il cane. Ciò significa esporre il cane alla situazione stressante a un livello inferiore a quello che scatena la sua risposta di paura/stress. Se si tratta di altri cani, potreste scoprire che il cane riesce a gestirli quando si trovano dalla parte opposta del parco rispetto a lui. Attraverso il controcondizionamento, si dovrebbe ridurre lentamente la distanza tra lui e l’altro cane, lodandolo e premiandolo, per consentirgli di creare una nuova associazione positiva con gli altri cani.

Questo può essere applicato a qualsiasi situazione che Fido trova stressante o preoccupante. La pazienza è fondamentale.

Se avete dubbi sul comportamento aggressivo del vostro cane, rivolgetevi a un comportamentista qualificato.

Non solo i cani più anziani mostrano risposte apprese, ma potreste anche scoprire che semplicemente non hanno sperimentato le situazioni. Vale la pena di lavorare attraverso la lista di controllo della socializzazione per stabilire a che punto è Fido attualmente e per capire su cosa si può lavorare. Anche in questo caso, lentamente e senza stimolare eccessivamente il cane.

Un’interazione riuscita dovrebbe comportare una risposta calma e rilassata. Qualsiasi cosa che mostri un eccesso di tensione necessita di un lavoro più approfondito. Potete iniziare con la lista di controllo qui sotto:

Lista di controllo per la socializzazione/riabilitazione di un cane adulto

  • Controllo del corpo: orecchie, occhi, bocca, maneggio
  • Tenere il collare
  • Attaccare il guinzaglio
  • Incontrare gli uomini
  • Incontro con le donne
  • Incontro con bambini di tutte le età
  • Persone che indossano zaini
  • Persone con cappelli
  • Persone con cappotti
  • Persone con bastoni o stampelle
  • Incontrare cani socievoli
  • Incontrare cani reattivi
  • Incontrare gatti/gattini
  • Incontro con il bestiame
  • Superfici: cemento, erba, asfalto, legno, marmo
  • Tuoni
  • Temporali
  • Fuochi d’artificio
  • Allarmi
  • Vuoto
  • Sirene
  • Skateboard
  • Biciclette
  • Pattini a rotelle
  • Cestini della spazzatura
  • Passeggini per bambini
  • Carrelli della spesa
  • Autovetture
  • Autobus
  • Motocicli
  • Treni
  • Pentole e padelle
  • Scope
  • Ombrelli
  • Cartelli per marciapiedi
  • Borse di plastica
  • Strade cittadine
  • Centri commerciali
  • Parcheggi


Riassunto

La socializzazione è una parte importante della vita di un cane ed è uno degli aspetti più impegnativi della proprietà di un cane.

È fondamentale per crescere un cane stabile e completo, come tutti desiderano.

La mancanza di socializzazione è stata collegata a comportamenti problematici nei cani anziani, soprattutto quando si perdono questi periodi cruciali! Abbiamo sottolineato l’importanza di queste prime settimane, il che dimostra perché trovare un allevatore affidabile è così importante per trovare il vostro cucciolo.

Ciononostante, se vi ritrovate a dare una seconda possibilità a un cane anziano di un rifugio, non scoraggiatevi. È possibile aiutarlo a creare nuove connessioni positive nel suo cervello attraverso la desensibilizzazione e il controcondizionamento.

Utilizzate la lista di controllo per la socializzazione come punto di partenza, non esagerate, mantenete la calma e fateci sapere dove vi porterà la vostra esperienza.

Simona Nicoletti