Clicky

Cockapoo: Prezzo, Carattere, Caratteristiche, Allevamenti

By Simona Nicoletti

Il Cockapoo è una razza mista di cane che ha avuto origine negli Stati Uniti,  ottenuto incrociando un Cocker Spaniel Inglese con un Barboncino: il suo nome alternativo, Spoodle, è infatti l’unione di “Spaniel” con “doodle” (il nome inglese del barboncino), ed è stato coniato nel 1978.

CARATTERISTICHE

Il Cockapoo è un popolare cane derivante da incrocio, anche grazie alle sue piccole dimensioni e al fatto che il suo pelo è facilmente gestibile e non perde molto pelo.

Non esistono standard definiti per quanto riguarda le caratteristiche fisiche dei cani di questo incrocio, e per questo i singoli esemplari possono variare per peso e altezza, pur mantenendo una corporatura equilibrata e armonica.

In genere, il peso oscilla tra i 5 e i 10 kg, con casi più rari in cui si raggiungono anche i 15kg, mentre l’altezza si aggira tra i 35 e i 38 cm ( anche in questo caso ci sono eccezioni, con esemplari “Mini” che stanno sui 25 cm): in ogni caso, però, la taglia è sempre medio-piccola.

Il pelo di questi esemplari non è anallergico e si presenta come lievemente ondulato (e quindi più liscio, se predominano i geni del Cocker) o riccio (se invece eredita maggiormente le caratteristiche del barboncino). Non perdono molto pelo, ma vanno comunque spazzolati di frequente.

 La coda del Cockapoo è piuttosto lunga e molto folta, e i suoi occhi possono essere di colore marrone, nero o nocciola.

 La loro corporatura è robusta ma non tozza e il loro mantello può essere di qualsiasi colore e fantasia, tra cui nero, bianco, fulvo, albicocca, beige e marroncino, con possibili macchie scure solitamente distribuite su pancia, muso e orecchie. 

IL CARATTERE DEL COCKAPOO

 I Cockapoo sono di solito cani molto affettuosi, energici, giocosi e con molta personalità. Non sono aggressivi ma possono essere rumorosi a volte: sono quindi cani che si affezionano molto facilmente al padrone, alla famiglia che lo ha accolto e con i bambini, con cui convive molto bene e a cui mostra comunque grande affetto.

Possono essere molto affettuosi con i loro proprietari ma possono anche essere riservati quando incontrano nuove persone, anche se generalmente sono affettuosi con tutti.

Sono molto adatti anche alla convivenza con altri cani e animali domestici, con cui instaura un rapporto con rapidità, e per favorire questo è importante abituare questi cani alla socializzazione nei primi anni di vita in modo che crescano per andare d’accordo con estranei, bambini, animali domestici (specialmente altri animali non canini come i gatti) e altri membri della famiglia o visitatori.

Essendo cani molto estroversi e vivaci, inoltre, questi cani tendono a soffrire molto la solitudine, ma con le giuste attenzioni possono diventare rapidamente dei compagni di vita, anche grazie alla loro intelligenza e mansuetudine, che li rende facili da addestrare anche per principianti e persone che non hanno mai accudito un cane prima.

Per quanto riguarda l’attività fisica, è bene far passeggiare il Cockapoo due volte al giorno , anche con brevi tragitti, e farlo giocare a casa e all’esterno in spazi abbastanza ampi per loro (come i parchi), stimolandolo molto e assecondando la sua tendenza al gioco.

Se il loro temperamento corrisponde al tuo (o se il cane non è troppo diverso dalla tua personalità) allora questi possono essere animali da compagnia molto divertenti da avere nella tua vita! Sono compagni leali che vorranno sempre molte attenzioni da parte tua quando sono nei paraggi ma amano anche giocare con altre persone.

PREZZI

Non essendoci standard definiti per questa razza, il prezzo è relativamente basso e si aggira solitamente tra i 300 e i 700 euro.

ALLEVAMENTI

Gli allevamenti sono principalmente concentrati in Toscana e Veneto, e bisogna ricordarsi sempre di richiedere anche le informazioni sanitarie del cucciolo (incluse le vaccinazioni), insieme a consigli su come accudirlo al meglio.

Può essere utile anche il conoscere i genitori, per capire a quali dimensioni può arrivare poi da grande.

Simona Nicoletti

Lascia un commento