Clicky

Quanto devo dare da mangiare al mio cane?

By Simona Nicoletti

La maggior parte dei cani adulti riceve il cibo due volte al giorno, mentre i cuccioli spesso richiedono orari più frequenti. Ci sono molti aspetti da considerare quando si decide il programma di alimentazione per il cane.

La corretta porzionatura del cibo è forse l’abilità più importante che un proprietario di cane dovrebbe avere.

Come veterinario, vedo molti genitori amorevoli che nutrono eccessivamente i loro cani.

In questo articolo vi aiuterò a capire meglio come porzionare il cibo del vostro cane e come mantenere un programma di alimentazione sano.

Obesità: Perché è importante?

Poiché la popolazione canina di tutto il mondo diventa sempre più obesa, riflettendo la tendenza dello stile di vita umano, le malattie precedentemente non comuni legate all’obesità stanno diventando più comuni.

L’obesità è il flagello del mondo sviluppato.

Una certa quantità di grasso corporeo è importante per ridurre l’attrito tra gli organi del corpo, isolare dalle condizioni di freddo e avere riserve energetiche nei momenti di bisogno.

Le persone in sovrappeso sono invece molto più inclini a sviluppare malattie cardiovascolari, problemi muscolo-scheletrici (ad esempio l’osteoartrite), diabete, calcoli della vescica urinaria e cancro.

In passato si pensava che il peso corporeo fosse la causa di questi problemi a causa di una maggiore sollecitazione delle articolazioni e del cuore.

Tuttavia, oggi sappiamo che il tessuto adiposo è biologicamente attivo e può produrre una serie di ormoni e molecole che favoriscono l’infiammazione dell’organismo.

Una produzione sproporzionata di queste molecole e sostanze chimiche dovuta all’obesità può dare origine all’osteoartrite e alla produzione di radicali liberi che portano a danni ai tessuti e potenzialmente al cancro.

Il tessuto adiposo è anche il tessuto di elezione per gran parte del bioaccumulo di metalli pesanti che possono contribuire al cancro.

Quanto dovrei dare da mangiare al mio cane?

Un modo semplice per nutrire un cane sano può basarsi su tre fattori: il peso corporeo, lo stadio di vita e, nel caso dei cuccioli, la crescita prevista. Vediamo di seguito come procedere.

Di quanto cibo ha bisogno il mio cane in base al suo peso corporeo?

La quantità di cibo per cani di cui un cane ha bisogno non è direttamente proporzionale al suo peso.

Ciò significa che se si somministra al cane di 20 kg una tazza di cibo per cani, 2 tazze dello stesso cibo saranno di solito troppe per il cane di 40 kg. Questo perché i cani più piccoli hanno spesso

  • Un tasso metabolico più elevato
  • Un rapporto superficie/volume maggiore che comporta una maggiore perdita di calore corporeo

Non deve quindi sorprendere che i cani di piccola taglia abbiano un fabbisogno energetico più elevato per chilo di peso corporeo rispetto ai cani di grossa taglia.

I prodotti alimentari umidi o secchi hanno solitamente delle guide all’alimentazione stampate sulla confezione. Queste possono fornire un’idea abbastanza buona della quantità di cibo da somministrare al cane al giorno, tuttavia queste stime hanno un margine di errore di circa il 30%.

Sebbene il peso del cane possa dare un’idea abbastanza precisa della giusta quantità di cibo da somministrare, ogni cane è un individuo e il metabolismo di un cane varia da quello di un altro.

Per questo è importante utilizzare i metodi di valutazione della condizione corporea e della condizione muscolare .

Questi metodi consentono di calibrare la quantità di cibo da somministrare al cane. È anche possibile utilizzare un calcolatore di alimentazione come questo, verificato da veterinari e nutrizionisti animali.

Di quanto mangime hanno bisogno i cani nelle diverse fasi di vita?

Le diverse fasi della vita comportano esigenze nutrizionali diverse. I cani in fase di crescita e le femmine in gravidanza e in allattamento hanno solitamente un fabbisogno energetico e nutritivo maggiore

Quanto nutrire un cucciolo

Si stima che i cani sani e appena nati guadagnino il 5% del loro peso corporeo totale al giorno durante le prime quattro settimane di vita.

È importante pesarli regolarmente e assicurarsi che stiano prosperando.

I cuccioli più piccoli e gli orfani di solito hanno bisogno di una mano per raggiungere l’età adulta. Il modo migliore per farlo è utilizzare una buona formula di latte per cuccioli che soddisfi le loro esigenze nutrizionali.

Questo ha il vantaggio di permettere loro di nutrirsi senza dover competere con i fratelli

Quando la madre è presente, è importante assicurarsi che bevano il latte materno subito dopo la nascita e durante i primi giorni.

Questo è importante perché il primo latte (chiamato colostro) è molto ricco di anticorpi e aiuterà i cuccioli a combattere le malattie finché non costruiranno un sistema immunitario proprio.

Se una cucciolata non ha accesso al latte materno o a quello di una madre surrogata, esistono in commercio prodotti con colostro aggiunto alla normale formula del latte per cuccioli. Seguite attentamente le indicazioni della formula del latte per cuccioli per evitare di danneggiare il vostro cucciolo.

Svezzamento del cucciolo

I cuccioli hanno bisogno di un po’ di tempo prima di passare dal latte materno o dalla formula di latte all’alimentazione con un vero e proprio cibo per cani.

È meglio aiutarli nella transizione lasciando un po’ di latte materno secco e di latte artificiale per la madre e i cuccioli durante questa fase. Di solito i cuccioli vengono svezzati a 8 settimane, dopodiché possono passare al cibo per cuccioli adatto alla loro età.

È importante stabilire buone pratiche di alimentazione fin dall’inizio della loro vita ed evitare la sovralimentazione; i cuccioli paffuti possono sembrare carini davanti alle telecamere, ma l’obesità e lo sviluppo sproporzionato del corpo causano problemi che possono ripercuotersi anche in seguito come cani adulti.

Oggi è accettato il fatto che è meglio sottoalimentare leggermente il cucciolo piuttosto che sovralimentarlo.

Adottare una strategia di alimentazione per la crescita massima non solo provoca obesità, ma anche problemi di sviluppo muscolo-scheletrico.

Il tessuto osseo e quello muscolare crescono a ritmi diversi e, se la crescita non viene controllata, possono causare deformità dolorose.

È meglio adottare una crescita ottimale strategia che consenta al cucciolo di svilupparsi a un ritmo lento ma costante.

Una strategia di alimentazione per la crescita ottimale è particolarmente importante nelle razze canine di taglia grande e gigante. Queste razze, infatti, si sviluppano spesso molto rapidamente e sono le più soggette a una crescita ossea anomala e non ottimale se non vengono tenute sotto controllo.

Quanto nutrire i giovani adulti

La fase di giovane adulto segue il primo anno di vita. Le diverse razze raggiungono la piena maturità in tempi diversi e alcune impiegano fino a 2 anni.

Di solito i cani sono considerati giovani adulti fino all’età di 5-7 anni. Le condizioni di salute sono rare, ma un’alimentazione corretta e bilanciata durante questa fase definisce la traiettoria per la loro salute negli anni della vecchiaia.

Quando diventano cani adulti, il loro fabbisogno energetico diminuisce.

Tuttavia, è bene considerare se il cane ha uno stile di vita attivo o meno. Un cane da lavoro ha un fabbisogno energetico più elevato di un cane da appartamento.

È molto importante trovare una dieta adeguata allo stile di vita del cane per evitare l’obesità.(es. dieta a basso contenuto proteico, energetico, di grassi e di fibre per cani inattivi).

Poiché le guide agli alimenti per cani sono stime relativamente vaghe, alcuni veterinari e nutrizionisti animali suggeriscono di calibrare il fabbisogno alimentare del cane somministrando dapprima una quantità di cibo inferiore del 15%-20% rispetto a quella suggerita dal produttore (es. somministrare al cane 2 tazze al giorno invece di 2 tazze e mezzo).

Questa percentuale può essere aumentata se il cane inizia a scendere sotto il suo peso ideale. Si consiglia di pesare il cane mensilmente fino a raggiungere la giusta quantità.

Quanto dare da mangiare ai cani anziani

I cani anziani hanno un fabbisogno energetico ancora più basso. Gli alimenti per cani anziani hanno una qualità proteica più elevata per aiutare questi cani a mantenere la loro massa muscolare magra fino alla vecchiaia senza aumentare il carico di lavoro del fegato e dei reni, organi spesso compromessi in età avanzata.

Per i cani che soffrono di condizioni di salute specifiche, esistono molte diete approvate dal veterinario che possono aiutare il processo terapeutico di queste malattie.

Cani in gravidanza e in allattamento

Queste due fasi della vita sono uniche per le femmine di cane. La gravidanza di un cane dura 9 settimane ed è suddivisa in tre trimestri.

Affinché una femmina di cane possa concepire è importante che sia in condizioni corporee ottimali. I primi due trimestri della gravidanza non sono molto impegnativi dal punto di vista energetico, poiché durante questo periodo gli embrioni in via di sviluppo crescono a un ritmo lento.

Tuttavia, nel terzo trimestre si assiste a un netto aumento della crescita embrionale e il fabbisogno nutrizionale della madre aumenta di conseguenza. È normale registrare un aumento di peso del 15%-20% nel corso della gravidanza. È importante mantenere la condizione corporea ottimale della madre.

Un’eccessiva perdita di peso può portare a cuccioli di dimensioni ridotte, a cuccioli deboli e al parto morto. Un aumento di peso eccessivo può causare difficoltà nel parto e ridurre notevolmente le possibilità di sopravvivenza dei cuccioli dopo la nascita.

La fase di allattamento ha un fabbisogno energetico ancora maggiore rispetto alla gravidanza, in particolare tra la terza e la quinta settimana dopo il parto.

In questo periodo il fabbisogno energetico di una madre che allatta può aumentare da due a quattro volte rispetto a quello di una femmina non incinta e non in allattamento.

Si suggerisce che durante queste settimane il cibo per cani sia sempre disponibile, in modo che possa mangiare ogni volta che ne ha bisogno.

Come nutrire il cane?

Seguite questi consigli per nutrire il vostro cane nel modo più sano.

1. Controllare le porzioni

Dividete la quantità giornaliera suggerita in almeno due porzioni al giorno. In questo modo si riduce il senso di fame durante la giornata, si favorisce una migliore digestione e quindi si riduce il rischio di sovralimentazione e obesità.

Riduce inoltre il rischio di dilatazione e volvolo gastrico, iperacidità (e conseguente ulcerazione) e nausea.

2. Routine di alimentazione

Stabilire una routine alimentare.

I cani sono creature abitudinarie e traggono beneficio dall’avere una routine.

Questo li aiuta ad avere un modello alimentare sano e aiuta a risolvere i problemi di sovralimentazione e obesità. Questo può anche aiutare i proprietari a notare eventuali differenze nel comportamento alimentare che altrimenti potrebbero passare inosservate. In genere i cani hanno fame ogni 8-10 ore.

Non lasciate che sia il cane a decidere

Non date da mangiare finché il cane non è in grado di mangiare di più. I cani possono mangiare molto più del necessario in una sola volta e sono pessimi nel regolare l’assunzione di cibo.

Fino alla recente storia evolutiva, i cani sono stati spazzini e dipendevano dalla fortuna e dalla provvidenza per tirare avanti.

Un’alimentazione di questo tipo nella maggior parte dei casi porta all’obesità. Questa regola è particolarmente importante per i cuccioli, perché un’alimentazione eccessiva potrebbe causare problemi di sviluppo.

Evitare l’alimentazione prima dell’esercizio fisico

Non somministrate al cane pasti pesanti prima dell’esercizio fisico. Questo può portare alla torsione dello stomaco, alla dilatazione gastrica e al volvolo, soprattutto nei cani di taglia grande e con torace profondo.

Rallentare il cane

Rallentate il cane se è un mangiatore veloce. Esistono ciotole speciali che mettono il cane di fronte a una sfida mentre mangia e lo fanno mangiare più lentamente.

Potete anche spargere il cibo su un pavimento pulito, in modo che il cane impieghi più tempo a mangiare mentre cerca il cibo.

Si possono anche trovare mangiatoie interattive che rallentano il pasto del cane e fungono da gioco.

Mescolare il cibo umido con le crocchette secche

Se il vostro cane è un mangione, mescolate il cibo umido con le crocchette secche. Questo aumenta il contenuto di umidità del cibo e fa sì che il cane si senta sazio più velocemente.

È anche possibile bagnare le crocchette secche prima di somministrarle, in modo da renderle più grandi e far sentire il cane sazio più velocemente.

Esistono anche diete appositamente formulate ad alto contenuto di fibre, studiate per aiutare i cani a perdere peso.

Considerare una dieta a base di cibo umido

Anche il cibo umido è un’ottima opzione per i mangiatori schizzinosi. Dare da mangiare al vostro cane schizzinoso del cibo umido o mescolarlo con le crocchette secche può fargli tornare l’appetito.

Anche se alcuni cani sono in grado di mangiare al volo durante il giorno senza problemi, è comunque più salutare per il cane abituarsi a una routine alimentare. Questo è particolarmente utile se in futuro decidete di aggiungere un altro cane alla famiglia.

Ci sono altre cose da considerare?

Abbiamo imparato che le cattive pratiche nutrizionali possono danneggiare il cane. Tuttavia, l’alimentazione può essere utile anche per i cani che soffrono di diverse condizioni preesistenti.

Diverse aziende oggi formulano una serie di diete veterinarie che hanno lo scopo di aiutare nel trattamento di una serie di condizioni di salute quali

  • Cistite
  • Epatite
  • Ittero
  • Iperattività
  • calcoli urinari
  • insufficienza renale
  • Diabete
  • Allergie
  • malattie gastrointestinali
  • Artrite
  • malattie neurologiche

Queste diete possono essere acquistate presso le cliniche veterinarie o dietro prescrizione veterinaria. Infatti, queste diete sarebbero altrimenti inadeguate dal punto di vista nutrizionale per i cani sani.

In conclusione

L’alimentazione del cane può essere un compito molto confuso per i proprietari alle prime armi. Lasciate perdere qualsiasi idea preconcetta e informatevi a fondo sull’argomento per prendere le decisioni migliori e mantenere i vostri cani in salute.

Ci auguriamo che le informazioni di cui sopra siano utili per decidere la giusta quantità di cibo e il metodo di alimentazione del cane. Per qualsiasi domanda su questo argomento, vi consigliamo di rivolgervi al vostro veterinario di fiducia.

Simona Nicoletti