Quanto cioccolato può uccidere un cane?

By Simona Nicoletti

È improbabile che una piccola quantità di cioccolato rappresenti un rischio per la vita dei cani adulti di grossa taglia. Detto questo, il cioccolato contribuisce al 25% di tutti gli avvelenamenti di cani.

La quantità esatta di cioccolato necessaria per uccidere un cane dipende dal tipo di cioccolato e dal peso del cane.

Come veterinario, non darei mai del cioccolato ai miei cani. Anche solo un po’ non fa bene al cane.

In questo post vi spiegherò perché il cioccolato è tossico per i cani e come calcolare esattamente la quantità di cioccolato che può uccidere un cane specifico.

Perché il cioccolato è tossico per i cani?

Il cioccolato contiene teobromina e caffeina.

Queste due molecole metilxantine, pur essendo metabolizzabili dall’uomo, non sono ben tollerate dai cani.

Il cioccolato contiene più teobromina che caffeina, tuttavia entrambe le molecole svolgono un ruolo nell’avvelenamento da cioccolato nei cani.

Le metilxantine hanno 3 effetti principali:

  • Irritazione gastrointestinale: Lo stomaco del cane, dopo aver ingerito una tossina, cercherà di espellerla attraverso il vomito e la diarrea.
  • Diuretico: Significa che eliminano l’acqua dal corpo e la immettono nell’urina, facendo sì che il cane urini e beva di più.
  • Stimolante: È il motivo per cui beviamo Starbucks ogni mattina, ma è anche la causa di segni come iperattività, aumento della frequenza respiratoria e cardiaca, ritmo cardiaco irregolare e tremori!

Il cioccolato non ha effetti immediati sul cane e i sintomi compaiono solitamente tra le 2 e le 12 ore dopo aver mangiato il cioccolato.

Questi sintomi, se lievi, di solito si attenuano completamente dopo circa un giorno. Questi tempi possono variare a seconda del ritmo digestivo e metabolico del cane.

Nella maggior parte dei casi, l’avvelenamento da cioccolato non ucciderà il cane. Tuttavia, i cani con condizioni cardiache e nervose preesistenti hanno un rischio maggiore di morire.[1]

Potreste chiedervi: “Perché il cioccolato fa male al mio cane e non a me?“E giustamente.

Noi esseri umani metabolizziamo ed elaboriamo le metilxantine molto più velocemente dei cani e dovremmo mangiare una quantità enorme di cioccolato in una volta sola perché le metilxantine abbiano un effetto tossico su di noi.

Mentre l’emivita delle metilxantine nel corpo umano è di circa 2 o 3 ore, i cani impiegano ben 18 ore per raggiungere l’emivita, il che consente loro di avere molto tempo per circolare e creare scompiglio nei loro sistemi corporei.[2]

Quanto cioccolato può uccidere un cane?

La tabella seguente mostra la DL50 (la dose che porta alla morte la metà degli individui esposti) per la teobromina e la caffeina nei cani.

MetilxantinaLD50 in mg per chilogrammo di peso corporeo 2,3,4
Teobromina100 – 500 mg/kg
Caffeina100 – 140 mg/kg

Riferimenti alla tabella: 2, 3, 4

La tabella precedente indica che le dosi letali o tossiche dipendono dalla molecola che provoca la tossicità e queste dosi, a loro volta, dipendono dal peso corporeo e dal metabolismo del cane.

Secondo questo ragionamento, la stessa quantità di cioccolato avrebbe effetti diversi su un Chihuahua e su un Alano.

Ciò significa anche che una quantità di cioccolato compresa tra 125 g e 625 g è sufficiente per uccidere un cane di 20 kg.[4]

I segni clinici sono diversi a seconda del dosaggio. (vedi tabella sotto)

Dosaggio di metilxantine in mg/Kg di peso corporeoSintomi osservati
20Vomito, diarrea, bere eccessivo
20Segni cardiaci
Più o meno 60Crisi epilettiche

Tabella di riferimento: msdvetmanual

Bisogna anche considerare che il contenuto di metilxantina dipende dal tipo di cioccolato.

methylxanthine levels in chocolate
Riferimento grafico: DOI

Ciò significa che mentre un quarto di una confezione di cacao in polvere da 250 g e mezza tavoletta di cioccolato da forno da 250 g possono far ammalare un cane di 10 kg, un cane deve mangiare più di 250 g di cioccolato al latte per avere lo stesso effetto.[5]

Quando il vostro cane entra nella vostra dispensa e mangia il cioccolato, sappiamo che non avrete la facoltà mentale di fare tutti questi calcoli.

Per questo motivo esistono dei pratici calcolatori della tossicità del cioccolato, come questo, che vi semplificano la vita in queste situazioni di emergenza.

E il cioccolato bianco?

Come si vede nel grafico precedente, i prodotti a base di cioccolato bianco contengono una quantità di metilxantine molto ridotta rispetto alla media delle barrette di cioccolato al latte o fondente.

Ci vuole molto più cioccolato bianco per causare tossicità da metilxantine nei cani, ma è comunque molto poco salutare per il cane. Il cioccolato bianco è ricco di grassi saturi (burro di cacao e latticini) e pieno di zuccheri.

Questo può portare a una serie di problemi di salute che vanno dalla carie, alle malattie gengivali, all’obesità, alla pancreatite, alla diarrea e al diabete. I

l fatto che il cane mangi una tavoletta di cioccolato bianco non dovrebbe essere motivo di panico, ma il cioccolato bianco non dovrebbe mai essere dato volontariamente al cane.[6]

Cosa devo fare se il mio cane mangia il cioccolato?

Si consiglia di portare immediatamente il cane dal veterinario. Se portare il cane dal veterinario non è un’opzione immediata, ci auguriamo che le informazioni di cui sopra possano aiutarvi a prendere una decisione informata sul da farsi

Usate il calcolatore di tossicità del cioccolato linkato sopra; è meglio sovrastimare piuttosto che sottostimare la quantità di cioccolato mangiata dal vostro cane, per poter giudicare in modo più prudente il seguito da dare.

Il nostro consiglio è di tenere sotto controllo il cane per le 24 ore successive. Fate bere al cane molta acqua e dategli più cibo (adeguato) per rallentare ulteriormente l’assorbimento della metilxantina. In questo modo il cane potrà metabolizzare le tossine senza esserne sopraffatto.

Anche la somministrazione al cane di compresse di carbone attivo ogni 12 ore contribuisce a ridurre l’assorbimento della metilxantina.

Se portato dal veterinario subito dopo l’incidente, il veterinario potrebbe decidere di indurre il vomito.

Non cercate di indurre il vomito da soli, perché potreste danneggiare il cane.[4]

Inoltre, assicuratevi che il vostro cane non stia sviluppando nessuno dei sintomi sopra citati. Se in qualsiasi momento il cane inizia a mostrare segni cardiaci o nervosi, deve essere portato di corsa alla clinica veterinaria o all’ospedale più vicino.

I veterinari dispongono dei farmaci necessari per stabilizzare e gestire le condizioni del cane e aiutarlo a riprendersi in modo sicuro.

Il punto cruciale

Se è vero che la morte causata da avvelenamento da cioccolato è rara nei cani, ciò non significa che questa situazione non debba essere presa sul serio.

A volte non ci si accorge che il cane soffre di problemi di salute sottostanti e se ne viene a conoscenza per caso.

L’avvelenamento da cioccolato, anche se non è fatale, può comunque far soffrire molto il cane e lasciargli problemi di salute permanenti. Chiedete sempre il parere di un veterinario quando il vostro cane ha mangiato del cioccolato.

Simona Nicoletti