Pulci E Zecche: Cosa Fare per Proteggere Il Gatto

By Simona Nicoletti

Il gatto è un animale che molto spesso viene lasciato libero di girare nei dintorni della propria abitazione. In questo modo può aumentare il rischio che il nostro animale domestico entri in contatto con alcuni dei suoi nemici peggiori: i parassiti. Proteggere il gatto è fondamentale per la sua salute, ed è importante agire attraverso la prevenzione. Per questo consigliamo di utilizzare degli antiparassitari per gatti, prodotti realizzati appositamente per il nostro amico a quattro zampe.

Ecco alcuni consigli da tenere a mente per curare al meglio il proprio gatto. Non dimenticate di contattare il veterinario in caso di dubbi.

Prevenzione

La minaccia dei parassiti viene spesso sottovalutata. Pulci e zecche possono nascondere numerosi pericoli per il nostro animale domestico. In entrambi i casi si tratta di creature che si nutrono del sangue del gatto, e che riescono a trasmettere tramite il sangue potenziali patologie.

La prevenzione è il modo migliore per affrontare questa minaccia, evitando in diversi modi che il nostro amico a quattro zampe entri in contatto con i parassiti.

Antiparassitari

Oggi possiamo acquistare degli efficienti antiparassitari per gatti, prodotti che non hanno alcun effetto negativo per i nostri animali, ma che eliminano e tengono lontani i parassiti. Esistono sia prodotti spray, molto utili per eliminare una infestazione in atto, sia soluzioni innovative come i prodotti spot-on. Gli antiparassitari spot-on si applicano dietro il collo del gatto e generano una protezione su tutto il suo corpo.

L’efficacia di questi prodotti ha una durata specifica nel tempo. Quando l’effetto termina bisogna utilizzare di nuovo il prodotto, così da mantenere la copertura elevata e proteggere il nostro animale domestico.

LEGGI ANCHE  I Gatti Possono Mangiare Carne Di Maiale

Attenzione al giardino

Uno degli habitat principali in cui il gatto passa molte ore è il nostro giardino. I parassiti tendono a proliferare dove c’è incuria, per cui consigliamo di tenere il giardino ben pulito. L’erba deve essere tagliata regolarmente, evitando che diventi troppo alta. Lo sporco non si deve accumulare neanche negli angoli più nascosti.

Di solito bastano questi accorgimenti e non sono necessarie delle disinfestazioni periodiche con prodotti chimici.

Cosa fare se il gatto ha i parassiti?

Riconoscere le zecche non è difficile. Sono piuttosto grandi, si notano a occhio nudo, e si gonfiano dopo essersi nutririte di sangue. Potrebbe essere invece più complicato notare le pulci, soprattutto se il gatto ha il pelo lungo e scuro. In questi casi possiamo sospettare che l’animale abbia le pulci perché mostra un prurito del tutto anomalo. Nei casi peggiori può grattarsi fino a sanguinare, lasciando la pelle scoperta.

Se abbiamo verificato che il gatto ha i parassiti dobbiamo applicare il prima possibile un prodotto antiparassitario. Dopo aver eliminato queste creature bisogna pulire con cura tutto ciò con cui è entrato in contatto l’animale domestico, come coperte, tappeti, cuscini e divani. Le pulci potrebbero aver già deposto delle larve, e hanno un tempo di riproduzione molto breve. In poche settimane potrebbero diventare centinaia, se non migliaia.

Anche dopo aver ripulito il gatto dai parassiti non bisogna abbassare la guardia. Potrebbe aver contratto diverse patologie. In caso di comportamenti anomali è importante contattare il veterinario il prima possibile: un intervento tempestivo può salvare la vita del gatto. Attenzione anche a perdita di peso, stanchezza eccessiva e sanguinamento delle mucose, sono dei sintomi molto diffusi tra le infezioni trasmesse in questo modo.

LEGGI ANCHE  I Gatti Possono Mangiare Il Pesce Con Le Spine
Simona Nicoletti