I Gatti Possono Mangiare La Frutta

By Simona Nicoletti

i gatti possono mangiare la frutta

Ciao a tutti! Se siete dei grandi amanti dei gatti come me, allora siete nel posto giusto! In questo blog parleremo del misterioso mondo della nutrizione felina. Scopriremo quali frutte sono buone per i nostri amici pelosi, e quali sono da evitare. Quindi non perd

Benefici della frutta per i gatti

I gatti possono beneficiare molto dall’aggiunta di frutta nella loro dieta. La frutta è un ottimo modo per aggiungere vari nutrienti e fibre alla salute del gatto e può anche aumentare la loro appetibilità a mangiare. Anche se la maggior parte della frutta contiene zuccheri naturalmente, questo può essere equilibrato fornendo un’alimentazione adeguata al resto del gatto.

Alcune delle principali varietà di frutta comuni che i gatti possono mangiare includono mele, banane, fragole, kiwi, pere, meloni e uva. Fichi e angurie dovrebbero essere evitati perché serviti intero con semi sono potenzialmente rischiosi se ingeriti in grandi quantità. Gli agrumi come i limoni, le arance e il pompelmo possono essere dolci ma sono anche piuttosto aciduli per il gusto del tuo gatto. La polpa di agrumetto può favorire il corretto funzionamento dell’intestino proprio come piacevole snack occasionale per il tuo amico felino.

Cannella, zenzero e noce moscata sono spezie innocue a bassa dose che i proprietari di animali domestici servono volentieri sottoforma di miagolate leccate dove dovrebbero essere spruzzate occasionalmente su prodotti per pastorelli o da mangiare insieme per incentivarli a consumarlo avidamente senza fretta invece che passato con nonchalance…

Quali frutti sono sicuri per i gatti

Molti proprietari di gatti si chiedono se i loro amici felini possano trarre beneficio dal consumo di frutta. La risposta è sì, ma con alcune restrizioni importanti. Ogni frutto che viene offerto a un gatto deve essere in porzioni più piccole rispetto a quelle che sarebbero offerte agli esseri umani e dovrebbe essere addolcito con il miele o altri condimenti naturali prima di essere servito. I gatti hanno un sistema digestivo delicato, quindi la dieta deve essere sempre ricca di alimentazione nutriente ed equilibrata.

Eccoli i seguenti frutti che possono solitamente mangiare i gatti senza alcun problema:

  • Mele
  • Banane
  • Kiwi
  • Papaya
  • Fragole
  • Melone

Da evitare c’è l’uva (è tossico per i gatti), agrumi (come arance e limoni). Assicurati di sempre chiedere al veterinario prima di introdurre un nuovo alimento nella dieta del tuo gatto.

Come servire la frutta ai gatti

È un mito comune che i gatti non possano assumere frutta, quando in realtà l’ International Society of Feline Medicine sostiene che i gatti possono e devono ricevere vari tipi di frutta come parte del loro regime alimentare ricco e vario. Per quanto riguarda la scelta dei prodotti, essere consapevoli di cosa può mangiare il tuo gatto e soprattutto come servire la frutta ai gatti per assicurarsi che non si scottino.

La frutta è un elemento nutritivo importante nella dieta dei gatti per diversi motivi. Contribuisce all’equilibrio della flora intestinale del tuo animale, migliorando così le sue funzioni digestive e offrendogli un supporto nutrizionale complessivo. La frutta contribuisce anche al mantenimento dell’idratazione nella sua dieta ed è stata dimostrata in vari studi per aumentare gli antiossidanti naturalmente presenti nel corpo.

LEGGI ANCHE  I Gatti Possono Mangiare I Dolci

Al fine di poter beneficiarne appieno, dovrebbero prima passare alcuni criteri da considerare nel servirla: scegliere meglio la varietà di frutta eliminando quelli con semi o baccellie, infine assicurarsi sensibilmente la pulizia prima di procedere al suo servizio al vostro amico felino. Un’altra cosa importante da tener conto è di stare attenti alle quantità servite. Raccomandiamo una quantità moderata per evitare problemi digestivi al tuo animale.

Offrire ai tuoi amici felini un pezzetto di frutta come cibo extra non solo non è dannoso, ma fa anche bene alla loro salute. Ciononostante, verifica sempre che la frutta non rappresenti più di dieci per cento della loro dieta.

Come prevenire i problemi di salute associati alla frutta

Molti proprietari di gatti desiderano che i loro amici a quattro zampe siano più sani e hanno spesso la tentazione di includere nella dieta dei gatti l’alimentazione umana, come la frutta. Tuttavia, dal momento che i gatti sono carnivori stretti, è importante comprendere i possibili rischi associati all’aggiunta di frutta nella dieta del vostro felino. Mentre alcune varietà di frutta possono rappresentare un tratto gustoso ed estraneo alimentare senza effetti potenzialmente dannosi per la salute, è necessario conoscere i tipi di frutta che dovrebbero essere evitati assolutamente.

La maggior parte dei veterinari ritiene che le fragole, le banane e altri tipi comuni di frutta non presentino rischi diretti per le proprietà nutrizionali e non devono essere erogate regolarmente come condimento o parte integrante della loro dieta. Tuttavia, anche se alcuni alimenti per animali domestici lo contengono sapientemente formulato nel loro cibo secco o in scatola come condimento aggiuntivo, con un certo grado di sicurezza. Si consiglia comunque cautela nell’aggiungere troppo alla dieta del vostro gatto a causa delle accuse riguardanti disturbi digestivi associati con l’assunzione regolare e intermittente di grandi quantità di fibre insolubili contenute in determinate varietà di frutta come ananas, uva e fichi.

Il consumo irregolare particolarmente elevato può anche portare a problemi metabolicici qualora non vengano somministrate le adeguate dosi compensate da mangime specifiche per canarini ricco in micronutrientes e vitamine essenzialie pur mantenendo un livello equilibrato degli zuccheri. Particolarmente indicato è l’utilizzo della fibra insolubile limitata contenuta nel prodotto (come citricidina) nel caso si recipano abbondanti quantità costante durante la settimana.

Come scegliere la frutta più sana per i gatti

Dei gatti possono beneficiare di una dieta arricchita con alcuni alimenti ricchi di nutrienti dolci come la frutta e verdura. Anche se possono mangiare una varietà di frutta, ci sono alcune opzioni più salutari da considerare prima di mettere un piatto di frutta sul pavimento. La prima e più importante preoccupazione è assicurarsi che tutti gli alimenti siano freschi e che le bucce siano ben lavate prima della somministrazione. Inoltre, l’aggiunta regolare di prugne fresche a una dieta variata può contribuire ad aumentare l’assunzione nutritiva del gatto, fornendo vitamine antiossidanti necessarie per mantenere un sistema immunitario in salute.

LEGGI ANCHE  I Gatti Possono Mangiare Il Cibo Dei Cani

Una volta selezionata la qualità di frutta, i proprietari devono prestare particolare attenzione all’idoneità della frutta da consumare da parte del gatto in base alle sue preferenze ed esigenze individuali. Alcuni esempi comuni includono mandorle dolci o ammendole, banane, pesche o nectarine private della buccia e bacche come mirtilli o morbide quercie acerbe. Altri alimenti adatti includono mele sbucciate e senza semi, ananas a dadini senza scaglie ed anacardi essiccati privati degli involucri bianchi interno-esterno. Glastonbury Berry Fruit Mix è spesso amato dai gatti come ultima delizia.

Come preparare la frutta per i gatti

Molte persone danno al proprio gatto alcune prelibatezze come la frutta. Dopo tutto, i gatti domestici traggono molti vantaggi da una dieta varia che include un po’ di vitamina e minerali ricchi di frutta. Tuttavia, può essere difficile sapere quale frutta è approvata per i gatti! Quindi ecco un elenco delle varietà più comuni di frutta generalmente considerate attecchite ai nostri amici a quattro zampe.

  • Mele: Le mele sono ricche di fibre, sali minerali e conservano le loro proprietà nutritive anche se cotte. Offri completamente sbucciate a fette sottili senza semi e tienile in congelatore tra un pasto e l’altro.
  • Banane: Le banane forniscono nutrizione lucida per la pelle con vitamine A ed E essenziali e zinco che promuove la crescita della pelliccia. Le banane possono essere servite grattugiate o fritte ed è importante limitarne le dosi, poiché sono piuttosto caloriche.
  • Fragoline di bosco: I piccoli saporiti deliziosano solo un apporto calorico minimale, ma hanno proprietà antiossidanti miracolose! Potresti cucinare questa bacca lontano dentro pancake vegan oppure servila così com’è come snack utile all’interno della routine mutuccia del tuo gatto.
  • Ananas: Contengono vitamine A e C ed enzimi digestivamente abili per il tuo micio come bromelina (nutriente notevole supportato da molte ricerche!) che può alleviarne lo stomaco. La polpa dell’ananas tagliata in cubetti è preferita dagli amanti felini!
  • Pesche: Ricca di fibre insolubili e base naturale su calce alcalina, la pesca offre salute per gli animali e, a rendere ulteriormente apprezzabile la sua bontà e convenienza, è un’alimento perfetto per i gatti. Potete spennellare succose pesche (privi di nocciolo) ripe cooma snack premuroso tra un pasto, oppure scegliere di integrarle in ricette descritte nei menu del vostro micio.

Come incoraggiare i gatti a mangiare frutta

Mentre la carne è tradizionalmente considerata l’alimento principale dei gatti, si scopre che la frutta può essere un ottimo integratore al loro piano alimentare. Ci sono una serie di vantaggi per includere la frutta nella dieta del tuo gatto oltre a regolare l’alito e offrire molti nutrienti aggiuntivi come vitamine, minerali e antiossidanti. A molti gatti piace anche il sapore della frutta, quindi incoraggiarli a mangiarla può essere parte del divertimento.

Di tutte le verdure ed è consigliato limitarli a circa il 10% della dieta complessiva di un gatto in modo da non rovinare il loro sistema digestivo con troppo zucchero. In generale, le mele, le pere e i lamponi sono tra i preferiti dai gatti in termini di gusto. Al contrario gli agrumi come arance e limoni non sono consigliati poiché potrebbero irritare lo stomaco del tuo animale domestico insieme ad altra frutta come banane o cocco che contengono altissime quantità di zuccheri semplici.

Per incoraggiarne l’assunzione, incoraggia il tuo animale domestico tagliando la frutta in pezzi più piccoli o servendola sotto forma di polpa o succhi senza zucchero. Si scoprirà con il tempo cosa gli piace particolarmente mangiare su base occasionale in base alla sua reazione ad essa dopodiché sarà possibile aggornamre in base alle sue preferenze.

LEGGI ANCHE  I Gatti Possono Mangiare Il Tonno in Scatola

Come monitorare i cambiamenti nella dieta dei gatti

Prendersi cura di un gatto può essere un compito intricato poiché alcuni alimenti possono influenzare negativamente la sua salute. Uno di questi alimenti che molti proprietari si chiedono se dovrebbero nutrire ai loro animali domestici è la frutta. Mentre la frutta è spesso elogiata come una fonte di vitamine, minerali e antiossidanti, i gatti non possono beneficiarne al meglio come gli umani.

I gatti non sono in grado di digestire correttamente tutte le sostanze nutritive contenute nella frutta a causa della mancanza dell’enzima necessario per regolare i carboidrati nella loro dieta. Se scegli di nutrire occasionalmente il tuo gatto con frutta o verdura, assicurati che sia piccola e tagliata in pezzi facili da masticare. Inizia anche con quantità minuscole per monitorare eventuali cambiamenti nella dieta del tuo animale domestico.

Le varietà benevolmente tollerate dai gatti includono le banane, le angurie, le ciliegie senza noccioli, in piccole quantità; ed in generale tutti quelli ad elevato contenuto di acqua con un basso contenuto di zucchero (escluse le mele). Quindi, anche se alcune varietà di frutta possono essere integrate qualche volta all’interno della dieta del tuo gatto come trattamento delicato e occasionale, assicurati di parlare sempre prima con il veterinario in modo che egli possa alertarti sulle possibili complicanze causate da un aumento rapido o imperterrito nel consumo di qualsiasi proteina o grasso diverso dall’equilibrio o posto a una certa categoria di età del tuo animale domestico.

Frequently Asked Questions

1. I gatti possono mangiare la frutta senza problemi?

Sì, i gatti possono mangiare la frutta senza problemi, ma in piccole quantità e solo alcune tipologie.

2. Quali tipologie di frutta possono mangiare i gatti?

I gatti possono mangiare piccole quantità di: mele, banane, fragole, meloni, angurie e pere.

3. Possono mangiare qualsiasi tipo di frutta?

No, i gatti non possono mangiare tutte le tipologie di frutta. Non devono mangiare agrumi, uva, frutti di bosco e frutta secca.

4. C’è un rischio per la salute del gatto se mangia troppa frutta?

Sì, se il gatto mangia troppe quantità di frutta, può avere diarrea, vomito e problemi gastrointestinali. Inoltre, potrebbe assumere troppo zucchero e carboidrati che causano obesità e malattie.

5. È meglio dare la frutta al gatto fresca o cotta?

È meglio dare la frutta al gatto fresca, perché conserva tutte le proprietà nutritive originali. Non è necessario cuocerla.

6. Quante volte alla settimana si può dare la frutta al gatto?

La frutta non dovrebbe mai essere la base dell’alimentazione del gatto, quindi è consigliabile darla solo occasionalmente, non oltre una volta alla settimana.

Simona Nicoletti