Antidolorifico per Cani Cosa Va Bene E Cosa NO

By Simona Nicoletti

Ciao a tutti, siete alla ricerca di consigli su quali antidolorifici somministrare al vostro amico peloso? Se la risposta è sì, allora questo è il blog giusto per voi! Qui scoprirete preziose informazioni, nonché suggerimenti utili su cosa va bene e cosa no per

Introduzione

Quando un cane si ferisce o è malato, può essere difficile per molti proprietari assistere il proprio animale domestico. Non tutti gli antidolorifici che possono funzionare bene per le persone sono sicuri da usare sui cani. È importante sapere quali antidolorifici sono sicuri per i cani e quali no.

Un medico veterinario può aiutare il proprietario a trovare l’antidolorifico adatto al proprio animale. Gli antidolorifici più comunemente usati su cani sono l’ibuprofene, il paracetamolo, l’aspirina e la Metacam. Ognuno di queste opzioni interagisce con il corpo del cane in modo diverso ed è importante conoscere bene cosa fa l’antidolorifico prima di darlo al vostro amato cane.

Inoltre, anche se alcuni antidolorifici sono comuni nell’uso quotidiano, c’è sempre la possibilità che possano causare reazioni negative nel tuo animale domestico. I medicinali a base di paracetamolo in particolare dovrebbero essere evitati o somministrati solo con prescrizione medica, poiché possono comportare effetti collaterali gravissimi come la necrosifolliculite del cane (una condizione infiammatoria) se non somministrati nelle quantità corrette.

L’aspirina, anche se generalmente considerata specificamente per i canidi come trattamento contro dolori muscolari e artritici lievi-moderati, può anche avere complicanze come lesioni gastriche quando assunta ad alte dosi o somministrata in maniera errata.

Docemo Ibuprofen, che è commercializzato sotto diversi milenomi da farmaci classici espray nasali – può causare sintomi simili all’avvelenamento da farmaco nei canidi se dosato correttamente o assunto inconsapevolmente sulla pelle o tramite inalazione diretta dagli emissori (spray).

Infine qualcosa da considerare nell’utilizzo di qualsiasi antidolorifico per i cani è che produrrebbe reazioni come vomito e feci diarrea fino alla morte del vostro cane quando somministrato nelle giuste o meglio dosi! Quindi consultate sempre un medico veterinario prima di dosare l’antidolorifico per un animale domestico!

Tipi di antidolorifico per cani

C’è una vasta gamma di antidolorifici per cani disponibili sul mercato, ma dal momento che i cani sono molto diversi dagli esseri umani, ciò che è giusto per noi potrebbe non essere buono per loro. Ecco alcuni diversi tipi di antidolorifico comunemente prescritto per i cani:

  • FANS (Farmaci antinfiammatorii non steroide): I FANS sono farmaci come l’ibuprofene o il naprossene utilizzati per trattare la febbre e allevia le infiammazioni. Questi farmaci possono ridurre il dolore ma possono anche causare complicanze come ulcere gastriche nella mucosa dello stomaco dell’animale.
  • Steroidi: Glucocorticoid come prednisone o cortisone sono più fortemente raccomandati rispetto a FANS e fungono da soppressori del sistema immunitario, riducendo gonfiore e infiammazione. Possono anche avere gravi effetti collaterali se assunti lunghamente.
  • Antidolorificoi oppiodici: Prodotti contenenti morfina, codina o altri oppioidi devono essere utilizzati con cautela. Queste droghe devono essere somministrate con estrema precisione in quanto un dosaggio troppo elevato può portare alla depressione respiratoria, paralisi muscolare e persino la morte.
  • Agenti particolari: farmaci come Amitriptilina ad uso veterinario distribuito dai veterinari può aumentare i livelli di serotonina nel sistema nervoso del cane ed è utilizzata per il trattamento di condizioni di persistente notturno dolore diffuso come iopatie delle articolazioni e lesioni discali.
LEGGI ANCHE  Cocker Spaniel Inglese: Prezzo, Cucciolo, Origine, Carattere

Come scegliere l’antidolorifico giusto

È importante sapere cosa è sicuro somministrare al tuo cane in termini di antidolorifici. Ci sono diversi farmaci disponibili che possono alleviare il dolore nel cane, ma alcuni di essi possono avere effetti collaterali e conseguenze potenzialmente nocive. La chiave per la gestione sicura del dolore del tuo cane è quella di considerare attentamente le opzioni tra cui scegliere e selezionare quelle che sono state studiate appositamente per gli animali piuttosto che quelle progettate per i pazienti umani.

Esistono tre tipologie principali di antidolorifico approvato per l’uso su canini: FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei), antinfiammatorio steroideo (come la prednisolone) e antidolorifico oppioide come il buprenorfina o metadone.

Una volta identificate le varie opzioni disponibili, è importante consultare un veterinario prima della somministrazione dell’antidolorifico al tuo cane. Il veterinario sarà in grado di valutare attentamente la situazione del tuo animale da compagnia e identificare se l’uso degli antidolorifici può essere appropriato o meno. Quando si tratta di antidolorifici, vale sempre la pena essere molto cauteleuzione prevista durante l’amministraizoneá. Inoltre, ti consiglierà quale tipologia scegliere in base alle necessità individuali dell’animale in questione.

Inoltre, ricorda che la dose dovrebbe essere sempre calibrata seconda la taglia del cane con grandissima attenzione: così come gli umani hanno bisogno della dose giusta tenuta anche conte di assunzione, anche i cani hanno bisogno della dose corretta per beneficire degli effetti desiderati senza incorrere in nessun danno sulle loro salute. Pertanto, prestare attenzione alle etichette dai produttori ed evitare completamente i prodotti autoprescrittivi salvamotorsi piccoli membri del canile ecc..

Effetti collaterali

Gli antidolorifici sono una parte importante di qualsiasi trattamento veterinario per i cani. Tuttavia, alcuni farmaci possono avere effetti collaterali significativi, anche con l’uso corretto e opportuno. Per evitare possibili conseguenze indesiderate per la salute del tuo cane, è importante essere informato su cosa può andare bene prima di assumere qualsiasi antidolorifico per il tuo animale domestico.

La maggior parte degli antidolorifici over-the-counter come l’ibuprofene e l’acido acetilsalicilico (ASA, comunemente conosciuto come aspirina) non sono raccomandati per i cani a causa della mancanza di ricerche cliniche sul loro uso nell’animale domestico e della necessità di dosi più elevate rispetto all’efficacia clinica ottimale. Sebbene alcune fonti affermino che questi farmaci siano sicuri in bassissime dosi settimanali, il potenziale di tossicità sugli organi vitali è notevole.

Esistono diversi farmaci specificamente formulati per alleviare il dolore nella maggior parte degli animali domestici: tramadolo, detomidina, gabapentin e metacam. Il tramadolo è un farmaco oppioide che era diventato popolare nel trattamento del dolore nell’uomo ed ha dimostrato che è anche efficace nel trattamento del dolore nella maggior parte della specie animale se assunto a un dosaggio adeguato. Può causare effetti collaterali come vomito o letargia in alcuni soggetti ed essere sedimenta o tossico se somministrato in grandi dosi ripetutamente o una singola dose troppo elevata.

La Detomidina (Cerenia) e metacam (meloxicam) sono rimedi anti-infiammatoria non steroide (FANS). Sono spesso prescrittti insieme, englobano la dieta del tuo cane per allevarne il dolore ulteriormente accompagnendo gli rimedi over-the-counter consigliati prima della prescrizione di steroide come declotisol o prednisone come artifizio più tardivo per le infiammazioni stesse.

La gabapentin ha dimostrato buon successo come rimedio contro le infiammazioni croniche, pers qualcosa come dolore artritico cronico severo, lesivo e linfoma.

Come somministrare l’antidolorifico

Sia per cani che per gatti, se un veterinario ha prescritto un antidolorifico sotto forma di farmaco, è importante prendere in considerazione alcuni aspetti prima della somministrazione della dose. Si consiglia di rispettare la dose esatta, la tempistica e l’intervallo tra le somministrazioni (in termini di ore) specificato dal veterinario. Inoltre, cerca di mescolare cibo e l’antidolorifico prescritta dal medico per cani o gatti quando possibile.

LEGGI ANCHE  I Cani Possono Mangiare Il Mango? O Il Mango Fa Male Ai Cani?

Se il farmaco viene somministrato come pillola, il proprietario deve sapere come:

  • separare la capsula dalla parte più piccola con attenzione senza farsi male né farsi coinvolgere con qualche altro tipo di sostanza mentre estrae il problema/antidolorifico/farmaco.
  • leggere le istruzioni elencate sul foglio illustrativo del prodotto o rivolgersi al proprio veterinario.

Inoltre, fate attenzione mentre somministrate un antidolorifico a vostro cane o a vostro gatto: assicuratevi che loro non inghiottano né pellet bagnati né capsule intere e masticabili. Infine, se notate qualche reazione anomala dopo la somministrazione prendete immediatamente contatto con il proprio veterinario per ulteriori informazioni su come gestire tale situazione.

Benefici e rischi

Gli antidolorifici possono aiutare gli animali a sopravvivere a problemi sanitari difficult e da un certo punto di vista questa terapia è di grande beneficio. Ma dato che ogni cane è diverso, è importante informarsi per capire quale antidolorifico può causare meno rischi e dare più benefici al tuo cane.

Gli antidolorifici per cani sono divisi in due categorie: farmaci da banco e farmaci soggetti a prescrizione medica. I farmaci contro il dolore da banco sono i più comuni e includono farmaci non steroidei anti-infiammatori (FANS), paracetamolo e sciampagne come l’ibuprofene. Tuttavia, queste medicine non proteggono i reni del cane dai problemi e in alcuni momenti possono anche essere tossiche se usate erroneamente o con dosaggio sbagliato.

Per trattare disturbi cronici o gravami più complessivamente, il veterinario può prescrivere una medicazione come steroida o corticosteroide rimasta in modalità orale o altri farmaci prescrittivamente studiatici specificatamente per gestire questa condizione del vostro animale domestico, comprendendo anche glucoochinoni, agentanti anticonvulsanti ecc.. Permette con cautela la vitamina E come prevenzione dell’infiammazione ma discuta sempre con il veterinario qualsiasis tipologia di trattamento. Inoltre si dovranno sempre evitare antibioticidi ridondanze della distanza, poiché insiemide alle altra complicazionidi affezionde potrebberodioodurdosensimeromofesjeoffrendrafifonlyitisiehelealffelemmenó tutela la salute di essoci adifferenze significative neletitudy nella qualità della vita del tuoquattrozozzo c monte è parsoqueregare l’autonomia.

Domande frequenti

Se il cane ha un dolore a causa di infiammazione, lesioni, traumi o altri disturbi cronici, fare in modo che sia sollievo può essere una priorità. Gli antidolorifici possono aiutare ad offrire alcuni sollievo, ma i proprietari di cani devono usarli con molta cautela ed essere ben informati prima di somministrare un farmaco al loro animale domestico. Di seguito sono elencate alcune domande comuni su cosa puoi dare a un cane con dolore, in modo da poter prendere la decisione migliore per lui.

  1. Qual è il dosaggio appropriato? Prima di somministrare qualsiasi farmaco al tuo cane, è importante consultare il veterinario per assicurarsi che non solo stai facendo la cosa giusta ma anche che stai assumendo le misure per tenerelo al sicuro durante il trattamento. La dose giusta dipende dalla gravità della condizione del tuo cane e dalla razza e dimensione del cane.
  2. Qual è la durata? I tempi di trattamento differiscono in base all’età e alle condizioni del tuo cane oltre che all’effetto desiderato della medicina. Informati sempre con il tuo veterinario sulla durata appropriata per l’antidolorifico prescritto e non prolungarla più a lungo del tempo consigliato senza prima consultare un professionista.
LEGGI ANCHE  Boerboel: Prezzo, Carattere, Caratteristiche, Allevamenti

Conclusione

Per concludere, è importante sottolineare che non tutti gli antidolorifici umani sono appropriati per uso canino, quindi rivolgiti sempre al tuo veterinario di fiducia prima di somministrare qualsiasi rimedio alle tue a dog. Anche se molti antidolorifici da banco sono generalmente sicuri quando seguono le istruzioni, alcuni farmaci possono essere troppo forti per un cane di piccola taglia.

Inoltre, i cani possono avere reazioni cutanee o altri effetti indesiderati in risposta a farmaci come l’ibuprofene o il paracetamolo. Se sospetti che il tuo cane abbia assunto una dose eccessiva di antidolorifico e ha provato sintomi come vomito o diarrea, portalo immediatamente dal veterinario in modo che possano essere somministrate le cure opportune. Usando un trattamento adeguato può aumentare la qualità della vita del tuo animale domestico e ridurre il livello di disagio associato all’infiammazione o all’artrite cronica.

Per ulteriori informazioni sull’uso degli antidolorifici per i cani di consultare il proprio veterinario di fiducia.

Frequently Asked Questions

Q1: Quali sono le opzioni di antidolorifico più sicure per i cani?

A1: La scelta migliore e più sicura per i cani è l’acido acetilsalicilico (aspirina) o il paracetamolo (Tylenol). Questi farmaci possono essere usati per trattare vari disturbi, compresi i dolori lievi e cronici. Tuttavia, assicurarsi di seguire attentamente le istruzioni del veterinario e non somministrare al proprio cane un antidolorifico senza aver consultato un veterinario.

Q2: Quale antidolorifico è sicuro per i cani?

A2: L’acido acetilsalicilico (aspirina) e il paracetamolo (Tylenol) sono considerati gli antidolorifici più sicuri per i cani. Tuttavia, assicurarsi di seguire attentamente le istruzioni del veterinario e non somministrare al proprio cane un antidolorifico senza aver consultato un veterinario.

Q3: Cosa succede se il cane prende un antidolorifico sbagliato?

A3: Se il cane prende un antidolorifico sbagliato, potrebbe manifestare sintomi come vomito, diarrea, sonnolenza, perdita di appetito, dolore addominale e problemi di respiro. Se si notano questi sintomi, è importante consultare immediatamente un veterinario.

{
“@context”: “http://schema.org”,
“@type”: “FAQPage”,
“mainEntity”: [{
“@type”: “Question”,
“name”: “Quali sono le opzioni di antidolorifico più sicure per i cani?”,
“acceptedAnswer”: {
“@type”: “Answer”,
“text”: “La scelta migliore e più sicura per i cani è l’acido acetilsalicilico (aspirina) o il paracetamolo (Tylenol). Questi farmaci possono essere usati per trattare vari disturbi, compresi i dolori lievi e cronici. Tuttavia, assicurarsi di seguire attentamente le istruzioni del veterinario e non somministrare al proprio cane un antidolorifico senza aver consultato un veterinario.”
}
}, {
“@type”: “Question”,
“name”: “Quale antidolorifico è sicuro per i cani?”,
“acceptedAnswer”: {
“@type”: “Answer”,
“text”: “L’acido acetilsalicilico (aspirina) e il paracetamolo (Tylenol) sono considerati gli antidolorifici più sicuri per i cani. Tuttavia, assicurarsi di seguire attentamente le istruzioni del veterinario e non somministrare al proprio cane un antidolorifico senza aver consultato un veterinario.”
}
}, {
“@type”: “Question”,
“name”: “Cosa succede se il cane prende un antidolorifico sbagliato?”,
“acceptedAnswer”: {
“@type”: “Answer”,
“text”: “Se il cane prende un antidolorifico sbagliato, potrebbe manifestare sintomi come vomito, diarrea, sonnolenza, perdita di appetito, dolore addominale e problemi di respiro. Se si notano questi sintomi, è importante consultare immediatamente un veterinario.”
}
}]
}

Simona Nicoletti
Latest posts by Simona Nicoletti (see all)